LA STORIA DELLA GRANITA SICILIANA
Leggi tutto   Torna alle news

LA STORIA DELLA GRANITA SICILIANA

Lunedì 03 Luglio 2017


Cosa potrebbe esserci di più dissetante della granita siciliana in un’estate torrida come questa che è appena iniziata?
Non tutti però conoscono la storia della bevanda che ha reso famosa la Sicilia in tutto il mondo.
 
A parte le innumerevoli imitazioni e tentativi di far passare dell’acqua colorata per granita, quella vera, la siciliana, ha un sapore talmente inconfondibile da non lasciare dubbi. 
Le sue origini vengono fatte risalire alla dominazione araba in Sicilia. Gli arabi infatti portarono una ricetta: una bevanda ghiacciata aromatizzata con succhi di frutta o acqua di rose. In origine si usava addirittura la neve raccolta sull’Etna per poterla realizzare. Si raccoglieva la neve in inverno per poi stivarla all’interno di alcune grotte naturali. In estate il ghiaccio veniva grattato e ricoperto di sciroppi di frutta o di fiori. Questa preparazione veniva detta anche “grattachecca”. 
 
Stando alla tradizione quindi gli ingredienti utilizzati per farla non possono che essere naturali: acqua, frutta fresca e pochissimo zucchero. Noi di Vaniglia Gelaterie ci teniamo alle tradizioni e da queste traiamo sempre grandi insegnamenti, ecco perché la nostra granita è proprio come quella siciliana.

Concedeteci l’aver scelto per la nostra ricetta lo zucchero di canna, per renderla ancora più ipocalorica. Solo frutta freschissima, frullata e unita al ghiaccio per una granita cremosa e leggermente granulosa, fatta solo con acqua ed ingredienti naturali di prima qualità, per i veri intenditori della Sicilia
 
Nessuno sciroppo o colorante viene utilizzato nelle nostre granite, ma solo il sapore genuino della frutta: cocco, mandorla, fragola, lampone, mango e limone, ma anche molte altre, venite ad assaggiarle tutte, nel nostro piccolo angolo di Sicilia.
 




AIUTACI A MIGLIORARE, I TUOI CONSIGLI SONO PREZIONI PER NOI

SEGUICI SU
CONDIVIDI LE TUE FOTO #VANIGLIAGELATERIE